Ancora su ‘Sorry we missed you’: la famiglia ai tempi del post capitalismo.

Re-Movies

di Marzia Procopio

C’è una famiglia bellissima, in “Sorry we missed you”, di quelle che i genitori non litigano mai, i figli non vengono mai sgridati né messi in punizione ma solo invitati a riflettere, e se succede è perché c’è una pressione insostenibile. Due genitori che lavorano tantissimo, lei si occupa di anziani da accudire – paga oraria, spostamenti a suo carico – lui costretto a cambiare molti lavori finché decide un giorno di mettersi in proprio. Nella prima scena, nel colloquio in cui il protagonista Ricky ascolta le condizioni di lavoro di questa azienda di trasporti, c’è l’elenco delle parole rubate ai lavoratori di tutto il mondo globalizzato: non “salario” ma “parcella”, non “assunzione” ma “affiliazione”, non “lavori per noi” ma “offri servizi a noi”, e così via: un elenco talmente avvilente nella sua chirurgica spietatezza che la memoria, senza cartella stampa, non lo tiene.

Come i rider…

View original post 656 altre parole

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...