‘Garage Olimpo’: Esto no es una ‘historia de un amor’

Re-Movies

di Roberta Lamonica

“La storia è un incubo dal quale sto cercando di svegliarmi“. (J. Joyce)

Garage Olimpo (1999), di M. Bechis. Con A. Costa, D. Sanda, C. Caselli.

Maria insegna agli abitanti delle bidonvilles di Buenos Aires a scrivere e leggere e fa parte di un’organizzazione che si oppone al regime dittatoriale della ‘Junta’. Vive con la madre in una casa che è lo specchio dell’economia argentina di quegli anni: scrostata, in decadenza, bisognosa di manutenzione e condivisione. E infatti, la madre di Maria subaffitta alcune stanze della casa. In una di queste alloggia Félix, giovane timido, innamorato, non ricambiato, di Maria.

Una mattina un gruppo di militari fa irruzione nella casa e Maria viene portata via davanti alla madre che è costretta ad assistere impotente. La ragazza viene tradotta in un luogo segreto, quel Garage Olimpo che altro non è che un campo di concentramento sotterraneo da…

View original post 452 altre parole

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...