Il servo (Joseph Losey, 1963)

Re-Movies

Di A.C.

Un giovane alto-borghese di Londra compra una nuova casa e assume al suo servizio un domestico. Inizialmente impeccabile ed efficiente, il servitore si rivela un personaggio a dir poco ambiguo e un elemento sempre più spiazzante nella vita del giovane ricco, e a discapito proprio di quest’ultimo.

Da una sceneggiatura della penna egregia di Harold Pinter, Losey ne ricavò un raffinatissimo dramma da camera dai contorni morbosi e angoscianti.
Infatti quasi interamente nella cornice oppressiva di un interno domestico va in scena un sottile e spietato gioco di manipolazione e prevaricazione. Un comune rapporto servo-padrone che assume contorni anomali, rovesciandosi gradualmente fino a trovare il suo culmine in una sconvolgente scena finale.

Protagonista del film è la casa stessa: ambiente torbido e ingannevole, la cui deviazione della realtà è rappresentata da quella moltitudine di specchi su cui spesso si sofferma la cinepresa. Diventando così luogo di alterazione del…

View original post 95 altre parole

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...